castelli-romani-ungaretti

I Castelli Romani: l’arcadia di Ungaretti

Testimonianza di Giovanni Battista Angioletti:

“Verso sera Ungaretti ci accompagn√≤ a piedi da Marino a Castel Gandolfo. Chi sa quante volte aveva fatto quella stupenda passeggiata; eppure ce ne parlava come fosse la prima. “In questi boschi abitano le ninfe”, disse con voce leggermente commossa, e l’affermazione parve anche a noi naturalissima, tanto erano colme quelle antiche ombre di grazia, quei bellissimi alberi distrutti, ma ancora in quegli anni splendidi tanto erano nobili insieme e misteriosi. Un’aura mitica correva per quei colli risplendenti, un senso di grandezza abitava le valli, e le acque del lago di Albano raccolte e solitarie riflettevano un cielo da cui gli Dei guardavano corrucciati o compiaciuti le gesta degli uomini, e beatissimi contemplarono le donne che avevano rapite ¬†a volo, e forse anch’essi trasognati videro la bellezza dell’erbe, la pace dei greggi, la siesta inquieta dei fauni”.

Castelli-romani-ungaretti

Annunci